Monthly Archives

settembre 2014

CIAMBELLA PERE, ZENZERO E RUM

Siamo a cena. Mentre mangiamo e chiacchieriamo tra di noi, c’è qualcuno che ci osserva…guardingo…speranzoso…No, non è un vicino curioso, ne un voyeur. E’ semplicemente Liam. Aspetta la parola magica per poter uscire a fare la nostra solita passeggiata serale. Lo capisco, perché anch’io aspetto con ansia questo momento. Qualche volta prende il sopravvento la pigrizia o la stanchezza, ma il più delle volte sono felicissima di portare a spasso il mio adorato cagnolino, insieme a mio marito. E’ un momento tutto nostro, quasi un rito, che chiude piacevolmente la giornata e ci predispone per il riposo notturno. In questi ultimi giorni, il viale che percorriamo è ricoperto di foglie, cadute dagli alberi assonnati che si preparano al lungo letargo invernale. Mi piace tanto calpestare quel tappeto di foglie secche…evoca in me dolci ricordi infantili di passeggiate autunnali. E dopo una bella camminata nell’aria frizzante, cosa c’è di meglio di una tisana bollente e di un  dolce dal profumo caldo e avvolgente?
 
Sereno weekend amici.
 
 
Ciambella con pere, zenzero e rum
 
4 uova
2 bicchieri di zucchero
un pizzico di sale
1 cucchiaino colmo di zenzero in polvere
1/2 bicchiere di olio di semi
150 gr di yogurt naturale
2 cucchiai di rum
4 bicchieri di farina
1 bustina di lievito per dolci
3 pere piccole o 2 grandi, tagliate a spicchietti
zucchero e zenzero da spolverare sulla torta prima di infornare
 
Nota: Come misurino, uso un bicchiere di plastica usa e getta, da 200ml.
 
 
Montare bene le uova con lo zucchero, il sale e lo zenzero. Aggiungere l’olio e amalgamare. Aggiungere lo yogurt e il rum e girare l’impasto. Infine, versare la farina setacciata con il lievito, girando delicatamente con una spatola. Mettere l’impasto ottenuto in uno stampo da ciambella unto e infarinato e infilare gli spicchietti di pera, affondandoli leggermente. Cospargere la superficie del dolce con un po’ di zucchero e un po’ di zenzero e infornare a 180° per circa 50 minuti.
 
 
We’re having dinner. While we are chatting, someone is staring at us…cautious…hopeful…No, it’s not a curious neighbour, nor a voyeur. It’s just Liam. He’s waiting to hear the magic word that means we’re going out for our usual evening walk. I do understand him, because I long for that moment too. Sometimes laziness or fatigue takes over me…but most of the time, I love going out with my adorable little dog and my husband…it’s OUR ritual, and it finishes our day in a pleasant way, accompanying us towards a restful night. In the last few days, the lane we walk through is full of leaves, fallen off the sleepy trees that are getting ready for the long winter lethargy. I love walking on that carpet of fallen leaves…it wakes up sweet childhood memories of autumn. And what could be better, after a brisk autumn walk, than a hot herbal tea and a deliciously fragrant cake?
 
Have a nice weekend my friends.
 
 
Pear, ginger and rum cake
 
4 eggs
2 cups sugar
a pinch of salt
1 heaping teaspoon ground ginger
1/2 cup vegetable oil
150 gr natural yogurt
2 tablespoons rum
4 cups all purpous flour
16 gr baking powder (about 3 teaspoons)
3 small pears or 2 big ones, cut into small slices
sugar and ginger for the top of the cake before baking
 
Beat the eggs with the sugar, the salt and the ginger until they become light yellow. Add the oil, mix and then add the yogurt and the rum. Stir the liquids into the batter and then add the flour with the baking powder. Mix delicately with a rubber spatula or a wooden spoon. Pour the batter in a prepared cake pan. Insert the pear slices, sinking them just a bit into the batter. Sprinkle the top with some sugar and some ginger. Bake in a preheated 180° C oven, for about 50 minutes.
CON QUESTA RICETTA PARTECIPO CON PIACERE AL CONTEST “LA CIAMBELLA PERFETTA” DEI BLOG GIOCHI DI ZUCCHERO E A TUTTO PEPE
 

VEGAN BROWNIES CON CRANBERRIES, BANANA E CAFFE’

Buonasera cari amici. Quando in famiglia abbiamo una ricorrenza da festeggiare, mi piace preparare qualcosa di speciale per il festeggiato e di solito mi attengo ai suoi gusti e preferenze. Il tiramisù è super gettonato a casa mia e piace sicuramente a tutti. Ma se il festeggiato è vegano e non mangia nulla che provenga dal mondo animale, il tiramisù è scartato a priori…così come torte farcite con crema pasticcera, panna ecc…ecc…Gira che ti rigira, pensa che ti ripensa…che gli faccio a mio fratello? La scelta quest’anno è caduta sui brownies, anche questi sempre super apprezzati da tutti. Ma la versione vegana come sarà? Verranno duri come un mattone…secchi come la paglia…? Assolutamente no! Sono deliziosamente umidi, cioccolatosi e golosissimi! Nessuno si accorgerà che sono 100% vegan!
 
 
Vegan brownies (Ricetta liberamente tratta dal blog “Chi ha rubato le crostate?”)
 
320 gr di farina 00
340 gr di zucchero di canna
1/2 bustina di lievito per dolci
100 gr di cacao amaro
2 manciate di gocce di cioccolato fondente
60 ml di olio di semi
150 ml di caffè freddo, non zuccherato
1 cucchiaio di aceto bianco
la polpa di 3 banane molto mature
una manciata di cranberries essiccate (i cranberries sono i mirtilli rossi)
 
 
In una bacinella, mescolare tutti gli ingredienti secchi. Aggiungere poi, l’olio, il caffè, l’aceto e la polpa di banana. Mescolare bene fino ad amalgamare tutto. Mettere l’impasto in una teglia quadrata (o rettangolare), foderata con la carta forno. Distribuire i cranberries sulla superficie e infornare a 180° per circa 30 minuti. Una volta raffreddato, tagliare il dolce a quadratini e spolverizzare con lo zucchero a velo. E’ ottimo servito con una pallina di gelato!
 
 
 
Good evening my friends. In my family, when we celebrate one of the members, I like to prepare something special for them. I usually make the sweets they prefer…tiramisù is an all time favourite! However, when the person we are celebrating is vegan, tiramisù is automatically excluded, and so are cakes filled with custard or cream. So I start to brainstorm myself, trying to figure out what to bake for my little brother. This year I decided for brownies. But I wondered, will vegan brownies be as hard as a brick? Will they be as dry as straw? Absolutely not! They are deliciously moist, with a deep chocolate flavor and simply fantastic! Nobody will ever guess they are 100% vegan!
 
Vegan brownies
 
320 gr all purpous flour
340 gr brown sugar
2 teaspoons baking powder
100 gr cocoa powder, not sweetened
2 handfuls of dark chocolate chips
60 ml vegetable oil
150 ml cold coffee, not sweetened
1 tablespoon white vinegar
the pulp of 3 very ripe bananas
1 handful of dried cranberries
 
 
Mix the dry ingredients in a bowl. Add the oil, the coffee, the vinegar and the bananas. Mix well. Spread the batter in a square or rectangular pan, lined with parchment paper. Scatter the dried cranberries on the top and bake in a 180°C oven, for about 30 minutes. Cool completely and then cut into squares. Top with some confectioners sugar, and if you like, serve with some ice-cream

ARANCINI DI RISO AL CURRY, CON GAMBERETTI E SEMI DI SESAMO

Con gli arancini, o supplì, come li chiamiamo da queste parti, ho un rapporto conflittuale. Non mi fraintendete. Mi piacciono tantissimo, anzi, li mangerei spesso e molto volentieri. Ma vi confesso, che mi sento inadeguata nei confronti di questo street food tutto italiano. So bene a chi attribuire questo mio senso di inferiorità…Quando in famiglia si ha una zia, che fa i supplì più buoni del mondo e che li ha fatti conoscere anche oltreoceano, questi complessi sono fondati. Se mai riuscirò a farmi regalare la sua ricetta, sarete i primi con cui la condividerò. Per ora accontentatevi della mia, che è comunque deliziosa. Curry e gamberetti sposano benissimo e regalano un sapore delicatamente speziato, mentre la doppia panatura, arricchita da semi di sesamo, da quel “crunch” che conquista al primo morso!

 
Arancini di riso ai gamberetti, curry e semi di sesamo
 
Per il risotto (per 3 persone più l’avanzo per gli arancini)
 
4 pugni di riso arborio
brodo vegetale oppure acqua leggermente salata bollente
olio e.v.o q.b
½ cipolla grande tagliata a dadini piccoli
½ bicchiere di vino bianco
300 gr di gamberetti
un’abbondante spolverata di curry
sale e pepe
 
Per la panatura e frittura:
 
un uovo
latte q.b
sale e pepe
pangrattato
semi di sesamo
olio di arachide per friggere
 
 
Preparate il risotto facendo soffriggere la cipolla nell’olio extra vergine d’oliva. Quando la cipolla sarà diventata quasi trasparente, aggiungete il riso e tostate. A questo punto, sfumate con il vino bianco. Quando non sentite più l’odore alcolico del vino, aggiungete del brodo vegetale (o l’acqua) bollente, poco alla volta, portando a cottura il riso. Cinque minuti prima della cottura ultimata, aggiungete i gamberetti e il curry. Aggiustate di sale e pepe e lasciate riposare qualche minuto prima di gustare.
 
Per fare gli arancini (io ne ho fatti 6, ma ovviamente dipende dalla quantità di risotto avanzato)
 

Lasciate il risotto avanzato in frigo per qualche ora, sarà più compatto. Intanto sbattete l’uovo, aggiungete sale e pepe e qualche cucchiaio di latte. In un altro piattino, mettete il pangrattato e semi di sesamo a piacere. Mescolate. Prendete piccole porzioni di risotto e fate delle palline ovoidali, della misura di un uovo piccolo. Bagnate nell’uovo e poi nel mix di pangrattato e semi di sesamo. Fate aderire bene la panatura e poi ripetete l’operazione. Quando avrete finito di impanare tutti gli arancini, friggeteli nell’olio di arachide profondo fino a doratura. Servite caldi.

 
 
I have a strange relationship with “arancini” or “supplì”, as we call them around here. Please don’t misunderstand me…I love them, and I could eat them often and willingly. However, I have an inferiority complex about this street food, and I certainly do know who I have to blame for that! When you have an aunt who makes the best supplì in the world, and has even “brought” them to the States for us to enjoy, well that complex can be justified! If I ever convince my aunt to give me her secret recipe, you will be the first to get it from me. For now, I hope you will enjoy mine! These arancini are delicious, delicately spiced and inviting…the curry and the shrimp are great together!The double bread crumb coating, enrichened with some sesame seeds will conquer you at the first bite!
 
 
Arancini with shrimp and curry risotto
 
For the risotto (enough for 3 servings plus some leftover for the arancini)
 
4 handfuls of Arborio rice
boiling vegetable broth or salty, boiling water
extra virgin olive oil
½ big onion, chopped
½ glass white wine
300 gr shrimp
curry to taste
salt and pepper to taste
 
For the crumb coating and the frying:
 
1 egg
milk to need
salt and pepper
dried bread crumbs
sesame seeds
peanut oil for frying
 
 
To make the risotto, put some olive oil in a wide pan and add the chopped onion. Sautè until the onion becomes almost transparent. Add the rice and toast for a couple minutes. Add the wine and stir. When the wine has evaporated start adding the hot liquid, a little at a time, until the rice is completely cooked. Five minutes before the rice is completely cooked, add the shrimp and the curry. Taste the risotto and add salt and pepper to need. Let rest a few minutes before serving.
 
For the arancini:
 

Keep the leftover risotto in the fridge for a few hours so it will be easier to handle. Beat the egg, add some salt and pepper and some milk. Put the bread crumbs in a bowl and add some sesame seeds. Mix. Take some risotto and form a ball, the size of a small egg. Roll it in the egg/milk mixture and then in the bread/sesame seed mixture. Repeat this passage. When you finish all the risotto and your arancini are all ready, deep fry them in the peanut oil, until golden. Serve hot.

  

DOUBLE CHOCOLATE BANANA BREAD

Buongiorno cari amici, spero che stiate tutti bene! Oggi, almeno qui in Abruzzo, si rientra a scuola e si ritorna alla normale routine, quella che nonostante la stanchezza quotidiana, nonostante la ripetitività, ci dona sicurezza. Eh si, forse parlo solo per me, ma dopo questa estate un po’ birichina, desidero davvero tornare alle mie attività “normali”. Oggi da me piove, e fa anche freddino, ma va bene così, perché siamo già in Settembre inoltrato e qualche giornata di gusto autunnale ci sta bene…speriamo solo che non duri troppo e che il sole torni a fare capolino ancora per un po’. Con l’autunno ormai alle porte, il desiderio di qualcosa di dolce e confortante si fa più vivo. Mi vengono in mente le colazioni golose ed energetiche e le merende ristoratrici. Mi vengono anche in mente i pomeriggi con le amiche, a sorseggiare un bel tè caldo, a mangiare un dolcetto e a fare tante chiacchiere. Vedete? L’autunno non è poi così male! Vi lascio con la ricetta del mio double chocolate banana bread e con l’augurio per un buon inizio…Perché si sa che chi ben comincia è a metà dell’opera!
 
Double chocolate banana bread
 
2 uova
100 gr di zucchero di canna
un pizzico di sale
100 ml di olio di semi
2 banane grandi molto mature, schiacciate (oppure 3 piccole)
250 gr di farina
3 cucchiai colmi di cacao amaro
½ bustina di lievito per dolci
50 gr di cioccolato fondente a pezzetti (io ho usato le gocce)
 
Mescolare le uova con lo zucchero e il sale con una frusta a mano o con un cucchiaio di legno. Aggiungere l’olio di semi e la polpa di banane e mescolare di nuovo. Setacciare la farina, il cacao e il lievito e aggiungere al composto. Completare l’impasto con il cioccolato fondente, mescolando delicatamente. Mettere il composto in una teglia per plumcake, imburrata e infarinata e infornare a 180° per circa 40 minuti. Servire spolverizzata di zucchero a velo o per un dessert goloso, con un po’ di panna semi montata.
 
 
 
Good morning my friends, I hope you’re all fine! Today is the first day of school here in Abruzzo and I must say that I’m very happy to go back to my “normal”, routine activities. Although these days are tiring, and repetitive, I find that they are also reassuring…It’s raining today, and it’s also rather cold here in the mountains, but guess what? After a very weird summer climate it’s conforting even to go back to rainy days, after all, we are in September and a taste of autumn is absolutely fine…I hope it doesn’t last too long though…Please, sunny days, come back for a while! With Fall almost here, I start to crave sweet goodies again. I start thinking about delicious breakfasts, and healthy snacks. But I also start thinking about those wonderful afternoons, spent with some good friends, drinking a cup of hot tea, eating something sweet and chatting about silly or serious topics…You see? Autumn isn’t so bad after all! Along with my recipe for my double chocolate banana bread, come my best wishes for a great beginning!
 
Double chocolate banana bread
 
2 eggs
100 gr brown sugar
a pinch of salt
100 ml vegetable oil
2 big, very ripe bananas, mashed (or 3 small ones)
250 gr flour
3 tablespoons cocoa powder (not sweetened)
2 teaspoons baking powder
50 gr dark chocolate, chopped (I used chips)
 
 
Mix the eggs, the sugar and the salt with a hand whip or a wooden spoon. Add the oil and the bananas to the mixture and stir until blended. Sift the flour, the cocoa powder and the baking powder and add to the mixture. Delicately fold in the chopped chocolate. Put in a prepared plum cake tin and bake for about 40 minutes in a preheated, 180° C oven. Serve sprinkled with some powdered sugar or, if you want a fancier dessert, with some whipped cream.
 
 

 

CONSIGLIA Salmone al vapore